16.2.15

CHE FINE HA FATTO IL CORRIDOIO?



Ci avete fate fatto caso che nelle case moderne l'ingresso non esiste più, la cucina si riduce ad un angolo nel salone, i disimpegni sono ridotti al minimo, il corridoio è ormai un ricordo delle case delle nonne? Beh, so che non dovrei dirlo, è vero, sono un architetto e dovrei essere pionere della visione contemporanea della casa, ma devo confessarvi un segreto...non ne posso più di vedere case che rinunciano a questi fondamentali spazi vitali!! Le case di oggi, sia se si parli di ville in campagna sia di attici in pieno centro, hanno ormai uno stampo planimetrico che le omologa. Varcata la porta di accesso si viene istantaneamente risucchiati dal salotto; ci si aspetterebbe un'area di servizio, un'alcova dove poterci scrollare di dosso le fatiche della giornata e i pesi del lavoro...e invece siamo subito immessi nel cuore della casa, pieni di buste della spesa, con il cappotto e l'ombrello gocciolante diretti verso una qualche sedia dove buttare tutto. Per i più fortunati la cucina è proprio appena si entra a sinistra quindi il tragitto, carichi come muli per la spesa appena fatta, non risulta troppo ostico. Che dire poi di quei bei mobili antichi che risalgono ai nostri antenati a cui siamo tanto legati ma che non sappiamo dove mettere? Sì perchè, nelle case moderne, non essendoci disimpegni, non ci sono nemmeno le pareti che li delimitano, utilissime invece come quinte per far risaltare dei bei pezzi di design all'ultimo grido o modernariato scovato in un mercatino.
Vedete, non stiamo parlando di “spazi morti” come molti vogliono farci credere, ma di spazi essenziali, filtri vitali tra una camera e l'altra. Le case, se si presentano con un ingresso, risultano più accoglienti ed ospitali. E le camere da letto, se preannunciate da un caldo corridoio, sono più pacate e ben disposte al riposo.

Voglio concludere questa mia breve riflessione con un pensiero di Marguerit Duras, tratto da “ La vita Materiale”:
Generalmente le case moderne non hanno quei vani che sono le frasi complementari delle proporzioni principali costituite dalla cucina e dalla camera da letto. Parlo dei locali in cui sistemare la spesa. Mi domando come farne a meno, dove mettere la roba da stirare, le provviste, i lavori di cucito, le noci, le patate, i formaggi, gli elettrodomestici, gli attrezzi, i giochi, ecc. Le case moderne non hanno neppure i corridoi dove i bambini possano correre o giocare, corridoi per i cani, per gli ombrelli, i cappotti le cartelle [...]”

the design chaser

the design chaser
sf girl by bay

wit and delight

vosgesparis

my scandinavian home

emmas blogg

home and gardens design ideas

planet deco.fr

bloglovin


cloud feedly
bolig magasinet

2 commenti:

  1. ciao olivia, è splendido questo post! non sono architetto, ma ho una grande passione per la casa e l'interior design e condivido in pieno il tuo pensiero su ingressi, corridoi, ambienti di servizio. sono tornata a vivere da poco a terracina, in una casa che, seppure provvisoria e con non pochi difetti, mi ha conquistato proprio per la presenza di questi elementi.
    in irlanda per esempio le villette e le case indipendenti hanno addirittura una doppia porta: nella prima entrata c'è un piccolo spazio dove disporre panca, scarpiera, portaombrelli e appendiabiti. quando rientri fradicio di pioggia puoi appendere il giaccone bagnato, sederti, toglierti le galosce, infilare le pantofole più sformate e morbidose e tirare un sospiro di sollievo. poi apri un'altra porta. e sei in casa.
    non conoscevo il testo della duras, devo rimediare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Valentina! Come sono felice di sapere che il mio pensiero e la mia visione della casa sia condiviso da altre persone! Sei di Terracina? Allora ci incontreremo presto! Grazie per essere passata di qua!

      Elimina